Camelia Shiseido
5
marzo 2016
Fashion & Trends
Condividi

#Sharebeauty, la bellezza salverà il mondo

Bellezza è partecipazione, gentilezza, scambio quotidiano, empatia.

Tra le installazioni di Robert Mongomery ispirate a Shiseido troneggia un inno alla bellezza a caratteri luminescenti. Uno statement chiaro, ma ancor più condivisibile. Perché cos’è la bellezza se non unione, coinvolgimento, empatia?

Shiseido presenta Beauty vs. the World che riconosce nella bellezza il motore della vita, il fil rouge che connette il mondo, le persone, le donne. Lo fa servendosi dell’arte esperenziale di Montgomery e del sound design di Senjan Jansen sancendo ancora una volta quel legame indissolubile tra ricerca e arte, facce della stessa medaglia: la bellezza.

Viviamo circondati dalla bellezza ma, distratti, abbiamo perso l’abitudine (e il tempo!) di soffermarci a cogliere il bello che ci circonda.
È una bellezza che si nasconde nei dettagli delle piccole cose, nelle sfumature, nelle peculiarità dei linguaggi più diversi.
Oggi, come 143 anni fa, la nostra missione è quella di offrire alle donne di tutto il mondo gli strumenti per valorizzare la propria bellezza innata grazie a soluzioni tecnologiche e prodotti innovativi che le accompagnino ogni giorno.

«La bellezza investe le persone con il suo potere di affrontare una moltitudine di problemi, diventa il motore della vita, una forza capace di connettere le persone”.  Masahino Uotani – CEO Shiseido –

Scoprire la bellezza ovunque essa sia e diffonderla a chi ci sta intorno è anche compito di ciascuno di noi.

Il manifesto “Beauty vs. the World” è una spinta a combattere per difendere la bellezza, andare oltre gli schemi e superare i limiti imposti dalle differenze. #Sharebeauty è l’hashtag di riferimento per chi sa cogliere le sfumature della bellezza e si impegna a realizzarne l’infinito potenziale.

Enikö, Imaan e Asia, ritratte dal famoso Mario Sorrenti, sono le ambasciatrici della rinnovata identità di Shiseido. Volti espressivi capaci di ispirare empatia e di incarnare proprio quel concetto di bellezza universale che non conosce confini.

Perché «La bellezza salverà il mondo» scriveva Fëdor Dostoevskij, a patto però che combattiamo per essa!