Camelia Shiseido
7
dicembre 2017
Fashion & Trends
Condividi

È Natale… anche in Giappone!

Avete pensato di scappare in Giappone per sfuggire al delirante fermento pre-natalizio? Dovrete ricredervi: si festeggia in grande anche lì!

Il Natale è molto sentito nel Sol Levante ma, essendo un paese di religione shintoista e buddista, viene considerato come una festa occidentale, al pari di San Valentino o Halloween.

Immaginate di passeggiare in questo momento per le strade di Tokyo: sareste circondati da incredibili ed elaborate luminarie, da canzoni natalizie che risuonano ovunque nei negozi e da maestosi alberi addobbati.

La cosa singolare, però, è che in Giappone il Natale ha preso una piega romantica, diventando una festa ibrida, certamente per bambini, ma anche per coppie!

Il 25 dicembre, i ristoranti sono tutti al completo e preparano speciali menù per coppie intenzionate a trascorrere una serata romantica con annesso scambio dei regali.

Nelle case invece si prepara la Christmas Cake, una tipica torta decorata con fragole e un piccolo Babbo Natale, mentre come pasto tradizionale si mangia…il pollo fritto! A coloro che stanno già arricciando il naso, una doverosa precisazione: non dobbiamo dimenticare che il Natale in Giappone è una festa di importazione essenzialmente americana e che quindi, nell’immaginario comune, porta con sé tutti gli stereotipi statunitensi.

Oltre agli innamorati, gli unici a ricevere regali sono i bambini ma, diversamente da quanto accade nel nostro paese, sotto l’albero ne troveranno uno solo. Tra amici e parenti, infatti, non è usanza scambiarsi regali.

Come per magia il 26 dicembre sparisce tutto: decorazioni, alberi e luci lasciano spazio al Capodanno, festività più autoctona e solenne. L’atmosfera cambia radicalmente da festa occidentale a evento tradizionale Giapponese.

Inizia la corsa alla ricerca degli ingredienti per preparare le Bento Box di Capodanno e gli Osechi, delle composizioni che si possono anche prenotare ed acquistare già pronte presso i ristoranti e i grandi magazzini. Nell’Osechi ogni piatto ha un significato augurale (per la salute, la fortuna ecc.)
Esiste anche un piatto tipico che si mangia alla vigilia di Capodanno, ossia i Toshikoshi Soba, spaghetti integrali che sono simbolo di lunga vita.

La notte di Capodanno i giapponesi indossano il kimono tradizionale e popolano i templi nella speranza che il nuovo anno sia prospero e felice. Le preghiere e i festeggiamenti proseguono solitamente fino al 4 gennaio.

La tradizione più suggestiva, però, è sicuramente quella di recarsi a contemplare l’alba sulla spiaggia o sul monte Fuji. Guardare il sole sorgere è considerato infatti auspicio di buona fortuna.

Del resto, stiamo parlando del Paese del Sol Levante!